Chi è il Growth Hacker

Siete quasi in clima di vacanza, quindi, vi avviso: cercherò di essere poco tecnica, anche se non sarà facile.

Qui a Londra, nel mondo startup, si parla e si cercano solo growth hacker. Secondo me è la parola del 2015. Quindi, se non volete essere considerati dei markettari noiosi e fuffologi, continuate a leggere.
Come diventare un growth hacker? Dovete imparare i trucchi del mestiere e basare le vostre strategie al fine di scalare e far crescere il progetto.

Qualche giorno fa ho sentito un podcast in cui Graham Hunter spiegava quali fossero i consigli per assumere un consulente di growth per la vostra startup. Graham è stato un consulente di marketing per diverse startup ed agenzie ed ora è Head Instructor of Growth a Tradecraft (USA), un’accademia per sviluppare competenze e diventare consulenti di successo per startup.

growth-hacking-guide-mindset-framework-and-tools-Quindi, chi è un growth hacker?
È una figura professionale che incrocia le skills di un marketing, uno strategist, un project manager, con un approccio basato “sul fare” ed un’attitudine rivolta alla crescita del progetto.
Quando si parla di marketing, a volte è difficile definire l’obiettivo di riferimento. Oppure si prendono in considerazione tutta una serie di elementi, come il branding, la promozione, la customer experience. Pochi professionisti di marketing hanno esperienze di customer acquisitions, soprattutto con prodotti & servizi online.
Sean Ellis è il primo a parlare di growth hacking come di startup marketing, dove la crescita diventa l’obiettivo principale, declinato in acquisition & retention con un set di risorse (e budget) limitato.

Quali sono le skills che dovrebbe avere un growth hacker? Graham suggerisce che dovrebbero: “Non dover seguire degli schemi imposti da qualcun altro, essere un generalista, basare i propri ragionamenti sui numeri e saper fare un po’ di tutto“. Quindi, se qualcuno vi ha detto che per crescere professionalmente dovete focalizzarsi e specializzarvi solo su alcuni tool..beh, sapete che non c’è solo questa strada.

Che domande dovrebbe farvi un growth hacker? È lui lo specialista, quindi preparatevi a rispondere ad una serie di domande specifiche, sui vostri clienti, l’audience, la vostra strategia di customer acquisitions o la retention rate. Come capire se si tratta della persona giusta per voi? Graham vi suggerisce di chiedergli: “Come farai crescere il mio business“? e penso sia un punto molto importante.
Ho avuto molte discussioni con persone alla ricerca di growth hacker con esperienze di startup scaling. Perchè? Se non hai fatto parte di Uber, Airbnb, Dropbox or Slack è difficile fornire esempi concreti. Quindi, focalizzatevi sulle competenze e l’approccio della persona, ascoltate i suggerimenti e consiglio finale: non chiedete di quanto hanno fatto crescere i follower del profilo twitter, perché non vi serve un growth hacker in questo caso e non sara’ la sua strategia principale per il vostro business.

 

Ascoltate il podcast di Graham Hunter qui.
Se volete saperne piu’ di Growth Hacking cliccate qui

 

Avete delle domande? Fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti! 

One thought on “Chi è il Growth Hacker

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s